Vento di cambiamento sulla Gran Bretagna

Sembra che il vento di cambiamento stia per soffiare sulle leggi che riguardano il mondo del gioco d’azzardo del regno britannico, in particolare per quanto concerne il mondo delle scommesse online e il modo in cui l’industria è gestita. Questo a causa del fatto che molte compagnie di gioco nel Regno Unito hanno continuato a tenere le loro operazioni offshore. L’industria fiorisce grazie alle licenze ottenute a Alderney, Gibilterra, Malta, Isola di Man, Cipro e altre in cui il trattamento fiscale è decisamente vantaggioso. Questo ovviamente porta via introiti allo stato britannico e toglie sovranità alla legge sul gioco d’azzardo ora in vigore, promulgata proprio per far sì che il governo potesse avvantaggiarsi dal gioco online. Ecco perché Jeremey Hunt ha deciso di cambiare il regolamento.

La Gran Bretagna è stata tra le prime giurisdizioni a definire e regolare le attività del gioco d’azzardo. Per questo sono riconosciuti come un punto di riferimento a livello globale per l’industria del gioco. Tuttavia la legge non è riuscita a controllare il proliferare di operatori off shore, ed è a questo limite che si cercherà di rimediare.

I cambiamenti investiranno anche la pubblicità che riguarda il gioco d’azzardo in Gran Bretagna. In sostanza, se un casinò online o una casa da gioco che ospiti bingo, poker o scommesse sportive non può fare pubblicità in UK, sarà difficile che raggiunga il suo target. Le società offshore non potranno più fare pubblicità, quindi saranno danneggiate. Per poter pubblicizzare i loro prodotti dovranno prendere una licenza britannica emessa dalla Commissione sul gioco d’azzardo. I diritti pubblicitari sono indispensabili per emergere nel mercato del gioco d’azzardo sia online che non.

Sembra che il vento di cambiamento stia per soffiare sulle leggi che riguardano il mondo del gioco d’azzardo del regno britannico, in particolare per quanto concerne il mondo delle scommesse online e il modo in cui l’industria è gestita. Questo a causa del fatto che molte compagnie di gioco nel Regno Unito hanno continuato a tenere le loro operazioni offshore. L’industria fiorisce grazie alle licenze ottenute a Alderney, Gibilterra, Malta, Isola di Man, Cipro e altre in cui il trattamento fiscale è decisamente vantaggioso. Questo ovviamente porta via introiti allo stato britannico e toglie sovranità alla legge sul gioco d’azzardo ora in vigore, promulgata proprio per far sì che il governo potesse avvantaggiarsi dal gioco online. Ecco perché Jeremey Hunt ha deciso di cambiare il regolamento.

La Gran Bretagna è stata tra le prime giurisdizioni a definire e regolare le attività del gioco d’azzardo. Per questo sono riconosciuti come un punto di riferimento a livello globale per l’industria del gioco. Tuttavia la legge non è riuscita a controllare il proliferare di operatori off shore, ed è a questo limite che si cercherà di rimediare.

I cambiamenti investiranno anche la pubblicità che riguarda il gioco d’azzardo in Gran Bretagna. In sostanza, se un casinò online o una casa da gioco che ospiti bingo, poker o scommesse sportive non può fare pubblicità in UK, sarà difficile che raggiunga il suo target. Le società offshore non potranno più fare pubblicità, quindi saranno danneggiate. Per poter pubblicizzare i loro prodotti dovranno prendere una licenza britannica emessa dalla Commissione sul gioco d’azzardo. I diritti pubblicitari sono indispensabili per emergere nel mercato del gioco d’azzardo sia online che non.

pubblicato da
gigi
agosto 7, 2011

Ultime Notizie